analyticstracking.php
Logo Poster
Istituto Poster - Ricerca Google
Area news
Istituto Poster - Vicenza, Home Page
Impresa Inn-Formata - La formazione che innova le imprese venete
Nuovo Bando della Regione Veneto per finanziare piani di formazione per il miglioramento organizzativo, lo sviluppo delle competenze del personale e il potenziamento tecnologico (DGR n. 687 del 16/05/2017). Prima scadenza: 30/06/2017

L’impresa futura tra internazionalizzazione e innovazione
Nuovi sportelli per utilizzare le risorse messe a disposizione dalla Regione Veneto per sostenere la promozione dei processi di internazionalizzazione e l'adeguamento delle competenze del capitale umano delle imprese venete (DGR 1284/2016). Scadenza 15/05/2017.

PIU’ COMPETENTI PIU’ COMPETITIVE
Ulteriori risorse per la formazione continua per le aziende venete (DGR 38/2016). Scadenza il 31/07/2016.

Reti di impresa per l’artigianato digitale
Contributo a fondo perduto fino al 70% promosso dal MISE per promuovere attività innovative nell’ambito dell’artigianato digitale e della manifattura sostenibile. Scadenza il 25/09/2015.

Avviso Fondimpresa 1/2015
Piani formativi aziendali o interaziendali rivolti ai lavoratori delle PMI di minori dimensioni. Scadenza il 16/10/2015.

pagina 1 di 2 | > | >>

 
Area Consulenza
Formazione Consulenza Ricerca i nostri Servizi
La riforma delle province: il caso Veneto

Il 1° gennaio 2015 le città metropolitane subentreranno alle province omonime. Nel suo “Enti intermedi, sviluppo locale e sostenibilità istituzionale: una chiave di lettura a partire dal caso del Veneto”, testo del 2013, Patrizia Messina, docente all’Università di Padova e direttore del Centro interdipartimentale di ricerca sul Nord Est "Giorgio Lago", pone l’attenzione sul caso-Venezia. Il disegno di legge 1212 “Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni” prevede infatti che il territorio della città metropolitana coincida con quello della provincia omonima. La tesi della Messina è che la costituzione della città metropolitana di Venezia, “vista la sostanziale non coincidenza delle funzioni metropolitane presenti nell’area metropolitana del Veneto centrale, con la città metropolitana”, possa rivelarsi un’occasione sprecata dalla politica nel dare risposte adeguate in tema di servizi ai cittadini e alle imprese. Una tesi che si basa soprattutto sui dati relativi alla concentrazione di abitanti e ai flussi pendolari. “Quello del Veneto si presenta come un caso di estremo interesse perché segnato da un marcato policentrismo dell’area metropolitana del Veneto centrale - sottolinea la Messina – Un’area che presenta una forte frammentazione dal punto di vista politico amministrativo, essendo suddivisa in 4 Province (Vicenza, Padova, Venezia, Treviso) e oltre 200 Comuni, con evidenti difficoltà di governo dell’area vasta”. Il resto del territorio regionale risulta ampiamente rurale – vedi le province di Rovigo e Belluno – mentre Verona si pone come sistema metropolitano monocentrico. La riforma delle province avviata dal governo Monti su base quantitativa (abolizione di quelle con estensione inferiore a 2.500 kmq e meno 350 mila abitanti) prospettava invece una nuova organizzazione del territorio regionale caratterizzata dall’unione di Treviso con Padova (o con Belluno) e di Rovigo con Verona (o con Padova) con conseguente riduzione degli enti provinciali dagli attuali sette a cinque (compresa Venezia, “metropolitana” per conto suo). “Nell’occasione la Regione avrebbe palesato un’evidente difficoltà a pronunciarsi in merito, mentre Emilia Romagna e Toscana mostrano di avere un atteggiamento molto più favorevole nei confronti della costituzione delle rispettive Città metropolitane - osserva la docente universitaria - Allo stato attuale del dibattito, per l’ipotesi Pa-Tre-Ve, di cui si discute peraltro da oltre vent’anni, è importante sottolineare che le maggiori difficoltà, paradossalmente, non vengono da Roma, ma dalla Regione che difende le Province attuali”. In generale alla Messina preme sottolineare quanto la “riforma di riordino territoriale, a partire dall’abolizione delle Province e dei loro confini amministrativi, diventi di importanza strategica decisiva per potenziare il processo di metropolizzazione come strategia di sviluppo, promossa dalle prossime politiche europee.”. La Città metropolitana “di fatto” costituita grossomodo da Pa-Tre-Ve verrebbe a contare oltre due milioni e mezzo d’abitanti (più di quella di Torino) e quindi “con le nuove politiche europee sarebbe destinataria di circa un miliardo di euro di finanziamenti, contro i circa 500 milioni di euro di fondi FESR destinati alla Regione”. Il rischio segnalato dalla Messina è che il Veneto, senza un’integrazione politica della sua area metropolitana “di fatto”, possa non sfruttare adeguatamente l’occasione di sviluppo offerta dalle politiche dell’Unione Europea per le City Regions.

MAPPA PROVINCE DELLA REGIONE VENETO SECONDO IL D.L. 1212